Pubblicato il Lascia un commento

Il caschetto scomposto, la moda del 2018

Ecco il caschetto che ti scompone, la moda di oggi e di domani

Amate il caschetto ma pensate che sia demodé? Niente affatto!

Il 2018 riporta in auge in caschetto in una versione nuova che non sa di vecchio, tutt’altro.

Le nuove tendenze dicono che il caschetto sarà un taglio top non solo per tutto il 2018, ma anche per il 2019 e il 2020.

Non pensate, però, a Raffaella Carrà. Parliamo di un taglio che unisce antico e nuovo in un nuovo stile adatto sia alle ragazzine che alle meno giovani.

Del resto, il caschetto è un must quando si vuole addolcire un viso spigoloso, ma non solo.

Dal caschetto mosso a quello scomposto, è comunque e sempre moda.

Gli esperti di hairstyle ci parlano di un caschetto scomposto di media lunghezza con frangia mossa, ma i tagli più corti non passano in secondo piano, anzi. Tutto è in funzione delle differenti fisionomie del volto.

L’ideale per realizzare un caschetto mosso è munirsi di spuma, lacca e diffusore.

 

 

 

Ecco come realizzarlo in soli tre passaggi:

I passaggio

 

Applicazione spuma e suddivisione delle ciocche

Applicate la spuma sui capelli bagnati, dividete la chioma in ciocche e muovete ognuna di esse dal basso verso l’alto al fine di gonfiarle.

 

II passaggio

 

Asciugatura con diffusore

Asciugate i capelli con il diffusore a testa in giù continuando a muovere le ciocche in modo tale da gonfiarle.

 

 

 

 

 

 

III passaggio

 

Applicazione della lacca

 

Applicate un po’ di lacca per fissare il tutto, ma senza esagerare. Vaporizzate il prodotto ad una certa distanza dai capelli in modo che questi rimangano vaporosi e la lacca non li appesantisca.

 

Et voilà… Il gioco è fatto!

Pubblicato il Lascia un commento

Come tenere a bada i capelli di notte

Domare i capelli di notte si può

 I vostri capelli di notte sono più ribelli che di giorno?

Niente paura, a tutto c’è rimedio, anzi, di rimedio ce n’è più di uno.

Ecco allora che qualche segreto per tenere a bada le chiome ribelli ve lo sveliamo noi.

E’ finita l’era in cui si va a dormire con capelli lisci come spaghetti per poi ritrovarsi come dopo un tuffo in mare!

Il segreto sta nel dormire con i capelli raccolti, donando loro la forma che più ci piacerebbe ottenere.

 

  • Ad esempio, se gradite capelli ondulati ma non gonfi, possiamo riunire i nostri capelli di notte in una treccia che poi scioglieremo al mattino.
  • Ancora, se la frangia è troppo lunga e di notte fa quel che vuole, potete fermarla con dei ferrettini e un po’ di lacca oppure con dei bigodini in spugna che non danno fastidio mentre si dorme.
  • Se, invece, amate lo chignon, potete realizzarne uno e dormirci su: al mattino i capelli più corti vi doneranno un effetto spettinato ma al contempo naturale, senza apparire disordinate nel look.
  • Se, invece, la frangia vi dà fastidio e vorreste portarla all’indietro, dormite con una fascia e tenete fermi i capelli che fuoriescono con dei ferrettini. La fascia è morbida, pertanto non vi darà alcun impiccio mentre dormite, assicuratevi solo che non sia troppo stretta.

Del resto, oltre all’effetto della pseudo messa in piega, legando i capelli di notte otterrete anche altri vantaggi: al mattino, massaggiate il cuoio capelluto e scuotete la chioma in modo da attivare la circolazione e al contempo rilassarvi per affrontare al meglio una nuova giornata.

Utile e dilettevole, insomma: soluzioni per la notte per un look impeccabile di giorno.